La nostra storia

L’associazione “Il sorriso Angelman” nasce nel 2014, con il nome “Il sorriso di Gabriele”, grazie all’iniziativa di un papà, Augusto Maggi. È stato lui, informatore farmaceutico, il primo a credere nella possibilità di una cura per la sindrome di Angelman, da cui è affetto il suo terzogenito. Ben presto altre famiglie si sono unite a questa piccola realtà, convinte che troppo a lungo la comunità scientifica nazionale avesse trascurato lo studio di questa malattia rara. L’idea era quella di riuscire a portare in Italia la ricerca sulla patologia – già avanzata in altri Paesi del mondo – finanziarla e farla conoscere alle famiglie. Oggi questo sogno si sta avverando: da novembre 2019, “Il sorriso Angelman” fa parte della FAST – Foundation for Angelman Syndrome Therapeutics.

“Fin dall’inizio, il primo problema che abbiamo dovuto affrontare è stato proprio il vuoto di informazioni che circondava le famiglie Angelman italiane”, afferma Benedetta Sirtori, tesoriere dell’associazione. “Nessuno aveva mai spiegato loro che, in alcuni Paesi esteri, ad esempio negli Stati Uniti, questa patologia viene studiata intensivamente da oltre dieci anni, con l’intento di trovare un farmaco che possa migliorare le condizioni di vita di questi bambini. In Italia nessuno era a conoscenza di nulla, nemmeno i medici. C’era un vuoto abissale, che noi abbiamo voluto colmare”.

Tutto è cominciato con il nostro primo viaggio negli Stati Uniti” racconta Benedetta Sirtori. “Nel dicembre del 2017, insieme ad un’altra “mamma-Angelman”, Barbara Magno, abbiamo deciso di partire a nostre spese per testare di persona la concretezza di quelle informazioni che leggevamo in Internet. Da allora ci andiamo tutti gli anni, ed è stato proprio durante una di queste trasferte che abbiamo conosciuto la Dottoressa Cristina Alberini”.

Cristina Maria Alberini è una neuroscienziata italiana, professoressa alla New York University. Per anni ha lavorato alle basi molecolari dell’apprendimento e della memoria e, proprio per questo, la FAST ha deciso di finanziare la sua ricerca. Le ultime scoperte del suo team riguardano il possibile utilizzo del fattore di crescita IGF-2, o di uno dei ligandi selettivi del recettore IGF-2R, quali farmaci in grado di ridurre, se non addirittura eliminare, alcuni dei sintomi tipici della Angelman, come i deficit cognitivi e le stereotipie motorie. “Questi nuovi trattamenti sperimentali entreranno prossimamente nella fase dei test clinici”, afferma Benedetta Sirtori. “Inoltre, con la Dottoressa Alberini abbiamo creato un team di ricercatori che ha base in Italia.

FAST si impegna ad aiutare le persone che vivono con la sindrome di Angelman a realizzare il loro pieno potenziale e migliorare la qualità della vita.

Privacy Policy
FAST Italia - Fondazione Sindrome di Angelman - I nostri partner

Restiamo in contatto

  • Sede legale

 Via Carioni 26, 20064,  Gorgonzola(MI)

  • Sedi operative:

Viale Margherita di Savoia 1, 20900, Monza(MB)

Via Rossini 27, 25010 San Zeno Naviglio (BS)

Via Mansueto n.55/14, 16159 Genova

Codice fiscale
91584170152

E-mailinfo@CureAngelman.it

X
X
BACK TO TOP